Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

COMUNICATI DEL PRESIDENTE DELL'ORDINE E NEWSLETTERS

 

Dettagli della notizia

COMUNICATO DEL PRESIDENTE

Rinvio Udienze e sospensione termini processuali
L’art. 83, 1° co., del D.L.16 marzo 2020 nr.18 ha previsto che dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 le udienze dei procedimenti civili, penali, amministrativi, tributari, pendenti presso tutti gli uffici giudiziari sono rinviate d’ufficio a data successiva al 15 aprile 2020.
Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 è anche sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali (37 giorni). In caso di termini computati a ritroso ricadenti in tutto o in parte nel periodo di sospensione, è differita l’udienza o l’attività da cui decorre il termine in modo da consentirne il rispetto.
Nella home page del sito dell’Ordine www.ordineavvocatilecce.it sono indicati tutti gli interventi in materia di attività giudiziale e di termini contenuti nel D.L. nr.18/2020, e sono pubblicate le schede di analisi redatte da OCF e CNF.
I diversi Uffici giudiziari hanno diramato le indicazioni necessarie in ordine ai rinvii che, fatte salve le eccezioni indicate nel D.L., saranno disposti d’ufficio e fuori udienza. Le disposizioni dei vari Uffici sono rinvenibili ed aggiornate continuamente sul sito dell’Ordine nel Box “Avvisi vari su rinvii e accessi in Cancelleria….”.
Per il periodo successivo al 15 aprile, l’Ufficio di Presidenza è in contatto permanente con il Presidente della Corte d’Appello e con gli altri Capi degli Uffici Giudiziari, per eventuali misure da disporre in applicazione della facoltà di cui al comma 6 dell’art.83 DL 18/2020, in mancanza di ulteriori interventi governativi.

Udienze in modalità telematica
Nel periodo di sospensione dei termini e limitatamente all’attività giudiziaria non sospesa, ma anche per le udienze civili successive al 15 aprile, i capi degli uffici giudiziari possono prevedere lo svolgimento delle udienze civili che non richiedono la presenza di soggetti diversi dai difensori e dalle parti mediante collegamenti da remoto individuati e regolati con il provvedimento del 10 marzo 2020 del DGSIA del Ministero della giustizia, che ha indicato i programmi Skype for business e Teams. Lo svolgimento dell’udienza dovrà in ogni caso avvenire con modalità idonee a salvaguardare il contraddittorio e l'effettiva partecipazione delle parti. Prima dell’udienza il giudice farà comunicare ai procuratori delle parti e al pubblico ministero, se è prevista la sua partecipazione, giorno, ora e modalità di collegamento. All’udienza il giudice darà atto a verbale delle modalità con cui si accerta l’identità dei soggetti partecipanti e, ove trattasi di parti, la loro libera volontà. Di tutte le ulteriori operazioni sarà dato atto nel processo verbale.
Il COA è in contatto permanente con i Presidenti delle sezioni civili del Tribunale e della Corte, per individuare gli strumenti e le modalità con i quali dare corso e sviluppare lo svolgimento in via telematica delle udienze.

Uffici dell’Ordine.
Nel rispetto delle disposizioni del D.L. nr.18/2020, il personale dell’Ordine è stato autorizzato a svolgere l’attività lavorativa in modalità smart working.
Gli Uffici dell’Ordine sono comunque operativi, e possono essere contattati telefonicamente al numero 0832301907. Si raccomanda, per ogni esigenza e per l’inoltro delle istanze rivolte all’Ordine degli Avvocati, l’utilizzo della posta elettronica, e si invitano i Colleghi a rispettare le indicazioni contenute sul sito dell’Ordine nel Box “Modalità accesso Uffici dell’Ordine”.

Accessi in Cancelleria
I Colleghi sono comunque invitati a limitare gli accessi fisici nelle cancellerie ai soli casi indifferibili, urgenti e non sostituibili dall’accesso con modalità telematiche, rispettando le indicazioni fornite da ciascuna Cancelleria, che si possono rinvenire sul sito dell’Ordine nel Box “Avvisi vari su rinvii e accessi in Cancelleria….”, dove sono indicati anche gli indirizzi PEC dei vari Uffici da utilizzare preferibilmente nel rivolgere istanze in Cancelleria.
Lo stesso vale anche per l’ufficio UNEP, tenendo conto che con provvedimento del 13 marzo u.s., il Presidente della Corte dott.Vetrone ha sospeso l’attività di notificazione all’esterno e l’attività di esecuzione.

Pratica forense
L'Ufficio di Presidenza del Consiglio dell'Ordine di Lecce, nella seduta del 16 marzo 2020, è intervenuto sulla disciplina della pratica forense, ed ha sospeso l’obbligo di partecipazione alle udienze nel periodo di sospensione; al termine del semestre dovrà essere prodotta dal praticante un’autocertificazione e una dichiarazione del dominus che attesti che la pratica è stata svolta da remoto anche nel periodo di sospensione. Entrambe le dichiarazioni devono essere inserite nel libretto
Per ogni richiesta, e per le domande di iscrizione, cancellazione e sospensione, può essere utilizzato l'indirizzo PEC praticaforense@ordineavvocatilecce.it.
Sono sospesi, fino al 15 aprile, i termini per il deposito dei libretti di pratica forense. I libretti potranno essere depositati alla riapertura ordinaria degli Uffici.

Interventi a sostegno degli Avvocati. Gratuito Patrocinio
Il D.L. nr.18/2020 prevede poche misure a sostegno delle libere professioni e degli avvocati in particolare, in un momento nel quale le difficoltà nello svolgimento della professione forense sono ingigantite dall’emergenza e spesso dalla impossibilità di fare fronte agli impegni economici, fiscali e previdenziali a carico del professionista.
La Cassa forense, come riportato in una nota pubblicata sul nostro sito, ha disposto la sospensione degli obblighi previdenziali fino al 30 settembre 2020.
L’OCF e numerosi Ordini hanno ritenuto necessari ulteriori interventi, sia da parte del Governo che della Cassa forense, tutti nella direzione di prevedere misure concrete a sostegno della categoria.
Una delle richieste che sono state e possono essere rivolte alla Cassa è quella di mettere in moto meccanismi che consentano l’anticipazione delle liquidazioni del gratuito patrocinio già disposte dal Giudice competente, con cessione del credito in favore della Cassa forense.

Il Consiglio valuterà il sostegno a questa iniziativa, e cercherà di individuare altre forme di intervento da richiedere alla Cassa, al Governo e ad altri Enti, allo scopo di alleviare concretamente le difficoltà degli avvocati.

Intanto, la Presidente f.f. del Tribunale di Lecce dott.ssa Pasca, ha assicurato di aver dato disposizioni al personale impegnato nel lavoro agile da casa, di adoperarsi per eliminare tutto l’arretrato in tema di gratuito patrocinio. Sarà anche rivolto l’invito a far sì che anche le liquidazioni da parte dei Giudici competenti siano evase tempestivamente.

 

Tutti i Colleghi sono invitati al rigoroso rispetto delle disposizioni di cui al D.L. nr.18 del 16 marzo 2020 e dei precedenti provvedimenti governativi, confermando l’alto senso di responsabilità che ha caratterizzato sempre il nostro Foro.

Si ribadisce come l’attività professionale debba preferibilmente essere svolta da casa, consentendo anche al personale dipendente tale facoltà; negli incontri con clienti, collaboratori, colleghi, potranno essere utilizzate le piattaforme online che consentono un collegamento a distanza (skype, teams….), rispettando comunque, negli eccezionali casi in cui ciò non sia possibile, le disposizioni di carattere sanitario contenute nei richiamati provvedimenti governativi (igiene, distanza minima, uso della mascherina….).

Per ogni comunicazione o aggiornamento, gli Iscritti sono invitati a consultare il sito dell’Ordine: www.ordineavvocatilecce.it ovvero a rivolgersi ai Consiglieri dell’Ordine, che rimangono a disposizione dei Colleghi e dei praticanti.


Un caro saluto.

Il Presidente
Prof.avv.Antonio De Mauro

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina