Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Patrocinio a spese dello Stato

Tipologia: Servizi

  • Data di ultima modifica: 08.02.24

Telefono: 0832 301907 (MARTEDI' e GIOVEDI' dalle 10,00 alle 12,00)
Fax: 0832 331954
P.E.C.: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Indirizzo:   Viale Michele De Pietro n. 3
C.A.P.:   73100
Località:   Lecce

Competenze

Il Patrocinio a Spese dello Stato consente ai cittadini non abbienti, al fine di essere rappresentati in giudizio sia per agire che per difendersi, di poter nominare un avvocato e farsi assistere a spese dello Stato.Il limite di reddito è di Euro 12.838,01.
L’istituto del patrocinio a spese dello Stato vale nel processo civile, amministrativo, contabile e tributario ed anche nelle procedure di volontaria giurisdizione (separazioni consensuali, divorzi congiunti etc.); esso vale anche nel processo penale.
Fonte: http://www.consiglionazionaleforense.it

Dal 18 maggio 2020 le istanze per il Patrocinio a spese dello Stato devono necessariamente essere depositate in via telematica a mezzo del sistema "Riconosco".

Gli Avvocati devono caricare la domanda dal link  https://riconosco.dcssrl.it/ con le credenziali già in possesso, e non sarà più necessario il deposito cartaceo presso lo sportello.

I Colleghi non iscritti al Foro di Lecce potranno richiedere le credenziali spedendo richiesta al seguente indirizzo PEC pss@ordavvle.legalmail.it.

E’ allegato  il Manuale operativo per l’inserimento e l’invio delle nuove istanze, che non presentano particolari differenze rispetto alla precedente procedura, se non per la necessità di allegazione dell’istanza sottoscritta dal richiedente in ogni parte, scansionata e firmata digitalmente dall’avvocato difensore in modalità PAdES-Bes, ed allegata unitamente agli altri documenti necessari, in formato pdf.

Tutte le comunicazioni tra la Commissione e l’avvocato richiedente avverranno utilizzando la stessa piattaforma Riconosco e l' indirizzo PEC pss@ordavvle.legalmail.it.

Si raccomanda la massima attenzione nella compilazione delle istanze sia per quanto attiene alla corretta esposizione dei dati di reddito; ove il richiedente sia tenuto alla presentazione della dichiarazione dei redditi, se ne suggerisce comunque il deposito telematico; sia per quanto attiene alla precisione nella indicazione dei codici fiscali.

Premesso che, in virtù del protocollo d'intesa in materia di PSS sottoscritto il 16/11/22, "la dichiarazione di totale assenza di redditi presentata in sede di ammissione anticipata al Consiglio dell'Ordine, in mancanza di adeguata motivazione e dell'indicazione delle fonti di sostentamento dell'istante, non può essere ritenuta tout court attendibile e pertanto potrà condurre [in sede giudiziale n.d.r.] alla revoca del beneficio, previa eventuale sollecitazione all'integrazione dei documenti e/o previa attivazione dei controlli formali e sostanziali previsti dalla legge", precisare tutti i redditi percepiti dall'istante e dai componenti del nucleo familiare nonchè la natura degli stessi.

A tal fine, si evidenzia che, secondo i consolidati orientamenti giurisprudenziali, vanno presi in considerazione le pensioni di invalidità, il reddito di cittadinanza, gli assegni familiari, e/o l'assegno unico per i figli, il TFR, l'indennità di disoccupazione, i sussidi per condizioni di difficoltà economica e familiare, l'assegno di mantenimento o divorzile per il coniuge, gli assegni di mantenimento per i figli (Cass. 24378/2019), i redditi illeciti e quelli per i quali è stata elusa l'imposizione fiscale, i redditi agrari e domenicali, le erogazioni da familiari.
Non vanno computati nel reddito esclusivamente le indennità di accompagnamento e i trattamenti di natura indennitaria.

Si evidenzia infine che, ai fini della valutazione del requisito reddituale, non rileva il reddito dichiarato a fini ISEE.

Si raccomanda di verificare la conformità dei contenuti delle istanze e delle autocertificazioni cartacee con quelle delle stesse precaricate sul sistema RICONOSCO al fine di evitare successive richieste di chiarimenti con conseguente allungamento dei tempi di evasione dell'istanza

Impiegati

Torna a inizio pagina