Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

COMUNICATI DEL PRESIDENTE DELL'ORDINE E NEWSLETTERS

 

Dettagli della notizia

COMUNICATO DEL PRESIDENTE

Gli Avvocati di Lecce per una Giusta Causa
L’Ordine degli Avvocati di Lecce ha avviato una Raccolta fondi destinata all’acquisto di materiale sanitario, da consegnare alla ASL Lecce per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Coronavirus.
Per poter partecipare, basta fare un bonifico con la causale "Emergenza Coronavirus" su c/c

IBAN IT22F0526216081CC0811300368

intestato a “Ordine Avvocati Lecce – Covid 19”
Ai sensi dell’art.66 del D.L. 17 marzo 2020 nr.18, le donazioni potranno beneficiare di detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito.

“Non pensiamo a quello che ci manca, pensiamo al bene che possiamo fare” (Papa Francesco)

Fondo per il reddito di ultima istanza
E’ stato pubblicato il decreto interministeriale relativo all’estensione, ai lavoratori autonomi e professionisti iscritti agli Ordini, del “Fondo per il reddito di ultima istanza”, previsto dall’art.44, comma 1 del decreto-legge 17 marzo 2020 n.18, e che è costituito da un’indennità per il mese di marzo pari a euro 600.
In base al testo del decreto, l’indennità compete:
a) ai lavoratori che abbiano percepito, nell’anno di imposta 2018, un reddito complessivo non superiore a 35mila euro;
b) ai lavoratori che, sempre nell’anno di imposta 2018, abbiano percepito un reddito complessivo compreso tra 35mila e 50mila euro e abbiano cessato, ridotto o sospeso la loro attività autonoma o libero-professionale di almeno il 33% nel primo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019, sempre a causa del virus COVID-19
La relativa domanda può essere presentata a Cassa Forense, esclusivamente con modalità telematica, attraverso l’apposita procedura attivata nell’area riservata del sito Internet dell’Ente, a partire dalle ore 12.00 del 1°/4/2020, in contemporanea con gli altri Enti aderenti all’Adepp.

Gratuito Patrocinio
Con delibera assunta nella seduta in videoconferenza del 24.3 u.s., il Consiglio dell’Ordine è intervenuto sul tema delle liquidazioni dei compensi per il patrocinio a spese dello Stato, e ha chiesto al Presidente della Corte d’Appello di Lecce, al Presidente del Tribunale di Lecce, al Presidente del Tribunale per i Minorenni di Lecce, ed a tutti i Capi degli Uffici Giudiziari, di intervenire per:
- sollecitare i Magistrati ad una rapida evasione delle istanze di liquidazione dei compensi degli avvocati nella qualità di difensori con il patrocinio a spese dello Stato;
- invitare gli Uffici preposti alla gestione dei provvedimenti di liquidazione dei compensi PSS a procedere sollecitamente e con priorità assoluta alla fase del pagamento in favore dei professionisti interessati.
Ha anche chiesto al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dell’Economia e Finanze ed al Ministro ella Giustizia, di procedere agli interventi normativi e regolamentari necessari per agevolare la procedura di compensazione dei crediti dei professionisti per patrocinio a spese dello Stato, e per estendere all’intero anno solare l’arco temporale utile all’inoltro delle istanze, nonché di implementare il Fondo per le spese di Giustizia destinato a finanziare le operazioni di compensazione.
Con note del 30.3 e del 2.4 u.s. il Presidente della Corte d’Appello di Lecce dott.Lanfranco Vetrone e la Presidente f.f. del Tribunale di Lecce dott.ssa Anna Rita Pasca, facendo seguito alle trattative intercorse, hanno condiviso le ragioni poste a fondamento della delibera del Consiglio, invitando Presidenti di Sezione, Giudici togati, Giudici onorari e Dirigenti amministrativi a tenere nella massima considerazione le richieste formulate, assicurando il massimo impegno nel monitoraggio delle procedure di liquidazione.

Contributo Annuale iscrizione albo Avvocati
A seguito delle disposizioni introdotte dal D.L. nr.18/2020, l’Agenzia delle Entrate ha comunicato che la notifica sia degli avvisi bonari che delle cartelle è sospesa fino al 31 maggio 2020, con effetto anche sul pagamento della prima rata del pagamento delle quote annuali di iscrizione all’Albo. E’ opportuno ricordare che il contributo annuale è disciplinato dall’art.29 comma 3° della Legge nr.247/2012, ed è destinato a provvedere alle spese di gestione, a tutte le attività indicate nel medesimo articolo e ad ogni altra attività ritenuta necessaria per il conseguimento dei fini istituzionali, per la tutela del ruolo dell'avvocatura nonché per l'organizzazione di servizi per l'utenza e per il miglior esercizio dell’attività professionale. L’entità di tale contributo è fissata in misura tale da garantire il pareggio di bilancio, e gli importi previsti a carico degli Avvocati di Lecce sono i più bassi d’Italia, Euro 104 per gli ordinari, ed Euro 180 per i Cassazionisti, che possono essere versati in due rate di pari importo, con scadenza 30 aprile (ora differita) e 31 agosto di ogni anno. Il Consiglio ha valutato che l’intervento sulle quote annuali, mentre recherebbe scarsi benefici al singolo Iscritto, andrebbe indiscriminatamente a favore di tutti, anche di coloro i quali possono sopportare l’esborso, e non consentirebbe al Consiglio stesso di adempiere ai compiti ed alle prerogative indicate dall’art.29 L.247/2012 a servizio degli Iscritti, e di sostenerne i relativi costi, a partire dal pagamento degli emolumenti al personale dipendente che anche in questo periodo, in modalità smart working, continua a prestare la propria attività per l’espletamento delle incombenze ordinarie.

Disposizioni D.L. nr.18/2020 sull’attività giudiziaria.
Il Consiglio, con deliberazione assunta nella seduta in videoconferenza del 3.4 u.s., ha chiesto al Presidente della Corte d’Appello ed ai Capi degli uffici che la ripresa dell’attività giudiziaria venga posticipata, rispetto alla data prevista del 16.4.2020, in applicazione della lettera g) del 7° comma dell’art.83 DL 18/2020, e fino a quando le Autorità sanitarie non valuteranno che si siano verificate le necessarie condizioni di sicurezza, che ad oggi certamente non sussistono; e che venga adeguatamente garantita la partecipazione alle udienze di tutte le parti processuali in condizioni di sicurezza e dignità, e la possibilità di accessi in cancelleria appropriati rispetto alle esigenze difensive. Ha anche auspicato che i protocolli d’intesa per lo svolgimento delle udienze civili e penali, vengano adottati uniformemente su scala nazionale, anche sulla base delle intese in corso tra Consiglio nazionale Forense e Consiglio Superiore della Magistratura. Ha comunque ribadito la propria disponibilità a collaborare con gli Uffici giudiziari al fine gestire al meglio l’emergenza e di consentire una graduale ripresa dell’attività giudiziaria, nei tempi che verranno stabiliti dalle Autorità competenti e con modalità da concordare.

Provvedimenti emergenziali di Cassa Forense.
Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense, ha adottato all'unanimità misure di natura straordinaria a favore dei propri iscritti, sia sotto il profilo degli adempimenti previdenziali sia per quanto riguarda ulteriori interventi di natura assistenziale e di sostegno alla professione.
Mod.5/2020: il termine regolamentare per la trasmissione in via telematica del mod. 5/2020, già fissato al 30/9/2020, è differito al 31/12/2020.
Autoliquidazione: il termine per il pagamento dei contributi in autoliquidazione connessi al mod. 5/2020 (riferimento redditi 2019), già sospeso fino al 30/09/2020, è differito al 31/12/2020, con le modalità indicate nella delibera che è pubblicata sul sito dell’Ordine www.ordineavvocatilecce.it
Contributo minimo soggettivo e di maternità per l’anno 2020: differimento dei termini di pagamento, a mezzo MaV, al 31/12/2020, senza applicazioni di interessi e sanzioni
Ha anche deliberato di assumere misure assistenziali ed economiche di supporto alla professione.

Interventi del CNF
Con delibera nr.178 del 1° aprile 2020, il CNF è intervenuto, a seguito di segnalazioni pervenute dagli Ordini dei Medici, in ordine ad iniziative di taluni avvocati volte a pubblicizzare e sollecitare azioni giudiziarie legate all’attuale emergenza sanitaria da Covid-19.
Ha espresso la propria solidarietà e gratitudine a tutti i medici, infermieri, personale sanitario in genere, e volontari che, a vario titolo, sono impegnati nella cura e nell’assistenza di coloro che sono stati colpiti dalla malattia e nell’aiuto alla cittadinanza; la propria vicinanza ai malati che lottano per la guarigione; il cordoglio a chi in questo periodo è nel dolore per la perdita di una persona cara.
Ha assicurato l’attenta vigilanza rispetto ai denunciati comportamenti di quei pochi iscritti che, indegnamente speculando sul dolore altrui in questo difficile tempo che vive il nostro Paese, disonorano l’Avvocatura tutta.
Ha invitato i Consigli dell’Ordine degli Avvocati a vigilare in modo particolarmente attento sulla condotta dei propri iscritti, sotto il profilo della eventuale violazione delle regole deontologiche e a prontamente denunciare tali comportamenti dei propri iscritti, sia come singoli professionisti che come appartenenti a studi associati o società di avvocati, che tali deplorevoli iniziative hanno assunto o abbiano ad assumere ; e i Consigli Distrettuali di Disciplina Forense a perseguire comportamenti che ledono la dignità, l’onore e il decoro dell’Avvocatura con messaggi, in qualsiasi forma espressi, contrari ai doveri di corretta informazione e/o finalizzati all’accaparramento di clientela.

Per ogni comunicazione o aggiornamento, gli Iscritti sono invitati a consultare il sito dell’Ordine: www.ordineavvocatilecce.it ovvero a rivolgersi ai Consiglieri dell’Ordine, che rimangono a disposizione dei Colleghi e dei praticanti.
Un caro saluto.

Il Presidente
Prof.Avv.Antonio de Mauro

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina